Stupidario

Renzi: la prossima settimana sarò bravo, non insulterò più nessuno.

Oggi intanto le fanfaronate e gli insulti si sprecano.

“Oggi non si fa credito, domani sì”. E’ la stessa logica. Le stesse parole dell’Imbroglioncello.

Noi non promettiamo di essere buoni domani. Male parole le usiamo, un po’ perché siamo maleducati, ma soprattutto perché “Quanno ce vo’, ce vo’”. Come si dice a Roma.

Giustizia Giusta utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.