FacebookTwitterGoogleFeed

 

Waka waka Walter

 Giorni fa, ospite a cena a casa di amici, quando ho detto che da mesi non s'avevano notizie di Walter Veltroni mi sono sentito rispondere che adesso l'ex primo cittadino della Capitale adesso s'occupa di calcio.

Sarà stato il clamore della finale – che era imminente – o l'eco delle parole pronunciate dall'ex Sindaco quando, ospite da Fazio, promise che avrebbe lasciato la politica per trasferirsi in Africa, ma immediatamente  mi sono figurato l'ex leader del Pd in trasferta calcistica sudafricana con tanto di vuvuzela in bocca.

In realtà, mi hanno spiegato gli amici, il riferimento calcistico era legato all'ultima fatica letteraria di Veltroni dal titolo “Quando cade l’acrobata entrano i clown” in cui si racconta della tragedia allo stadio Heysel di Bruxelles.

Non c'è stato tempo di gioire per il pericolo scampato dagli amici africani che mi sono imbattuto in una dichiarazione del Nostro dell'altro ieri in cui si afferma che le stragi di mafia del 1992 e 1993 ebbero come scopo quello di impedire ai progressisti di andare al governo.

Accipicchia. Devono avere informato Veltroni che i magistrati hanno appena spernacchiato la teoria di Spatuzza & Co. secondo cui le stragi di Cosa Nostra furono funzionali alla nascita di Forza Italia (per l'occasione ribattezzata “nuova entità politica”) che quel furbacchione dell'ex Sindaco della Capitale ha aggiustato il tiro.

Vedremo se anche stavolta ci sarà uno Spatuzza a raccogliere l'assist.
                                                                                          (adc)

Video In Evidenza

Il Libro

La rubrica

banner gg lib

Non è solo Saguto

annuncio

      CLICCA SULL'IMMAGINE PER INFO

La Newsletter

Privacy e Termini di Utilizzo

social

Giustizia Giusta utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.