FacebookTwitterGoogleFeed

 

Africa. Neppure il boato delle bombe squarcia il silenzio sullo sterminio dei cristiani

 di Elleci
Gli ultimi attentati nelle chiese cristiane in Nigeria e Kenya sono l’ennesimo passo del sanguinoso percorso che portera’ alla realizzazione di un grande califfato esteso dai minareti libici alla moschea di Durban in Sudafrica.
L’Africa e’ destinata a diventare un continente interamente islamico dove non esisteranno cristiani che, per questo, sono destinati ad essere cacciati o sterminati.
Come in Nigeria, dove negli ultimi 10 anni sono stati assassinati dai militanti musulmani oltre 14.000 cristiani, come in Egitto dove con la primavera araba e’ stata inaugurata la caccia all’uomo con linciaggi e lapidazioni di intere famiglie copte cristiane per strada e nelle loro case.

Ricorda Giulio Meotti, probabilmente tra le persone piu’ competenti sul tema a livello mondiale, nelle pagine de Il Foglio, che soltanto da Natale, in Nigeria sono stati uccisi 600 cristiani e 50 chiese sono state rase al suolo.
Le armi ed i finanziamenti ai gruppi piu’ estremisti derivano spesso dall’Iran in nome del c.d. “progetto Africa” di Khamanei. Sul fronte Occidentale non si registra, invece, nulla neppure il supporto morale e spirituale di una Chiesa Cattolica Romana sempre piu’ indifferente.

Video In Evidenza

Il Libro

La rubrica

banner gg lib

Non è solo Saguto

annuncio

      CLICCA SULL'IMMAGINE PER INFO

La Newsletter

Privacy e Termini di Utilizzo

social

Giustizia Giusta utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.