Mafia capitale, no mafia intellettuale

 
E’ una domanda cui è difficile dare una risposta certa e rassicurante in termini giuridici (ché, se non in termini giuridici la risposta ad ogni interrogativo relativa ad un processo è impostura e truffa).
E’ difficile perché lo stesso concetto di “associazione di stampo mafioso”, così netto ed abbastanza chiaro in termini di sociologia criminale è, dal punto di vista del diritto, una impostura, una “fattispecie penale apparente”, secondo la qualificazione (in negativo) che ne fa la sentenza sul plagio della Corte Costituzionale, estensore Volterra (un giurista sul serio).
Io ricordo che, appena venuta fuori la legge “Rognoni-La Torre” contenente quel giro di parole che avrebbe dovuto definire la nuova figura di delitti, provai a proporre in diverse sedi la questione della sua incostituzionalità per violazione della specificità dell’addebito necessaria per la realizzazione del principio, antico e recepito e consacrato dalla Costituzione, “Nullum crimen, nulla poena sine proevia lege poenali”. Eccezioni dichiarate, manco a dirlo “manifestamente infondate”.
In altre parole fui preso “giudizialmente” a pesci in faccia. Per fortuna non c’era ancora il reato “giurisprudenziale” di “concorso esterno” di quel “reato associativo”, ché, altrimenti mi avrebbero pure incriminato (qualche anno dopo un magistrato, cui magari altro poteva essere addebitato, fu oggetto di una perquisizione personale, che diede l’avvio ad una decennale persecuzione nei suoi confronti” con la motivazione: “per avere negato in una sentenza il carattere verticistico di Cosa Nostra”).
Quella fattispecie penale “aperta” ed “apparente” è diventata l’asse portante di una giustizia arbitraria che, anziché essere “uguale per tutti”, come è enfaticamente ed ottimisticamente scritto nelle aule di giustizia, mette, intanto, la giustizia “su due piani”, quello “ordinario” e quello “antimafioso”.
Assegnando ogni caso di reato plurisoggettivo (la “mafia individuale” non è stata ancora “giurisprudenzialmente” sancita, ma si è sulla strada buona con molte enormità, ad esempio di “concorso esterno”) alle Procure ordinarie o a quelle “Antimafia” (istituzionalizzazione del vuoto logico della falsa fattispecie!!) si compie spesso una scelta, che poi, quasi è d’obbligo ritenere irreversibile, che pesa, anche in fatto di pene da applicare, assai di più di ogni altro accertamento da compiere nell’indagine e nel giudizio.
La creazione di questa giustizia “speciale”, invano vietata dalla Costituzione, ha una storia che denunzia origini lontane.
Potremmo parlare della “giustizia” della Santa Inquisizione. C’erano “materie miste” che consentivano dubbi sulla competenza: messo nel “canale” del terribile Tribunale “religioso arrostitorio” il “reo” era fottuto. Se invece andava avanti alla giustizia ordinaria poteva anche cavarsela. (Ma talvolta era l’inverso, specie per i “famigliari” dell’Inquisizione).
Ma assai più calzante è il precedente dei Tribunali Militari, istituiti “per condannare i facinorosi”, in occasione di moti popolari e di dilagare del brigantaggio, come quelli che imperversarono nel Sud d’Italia per più di un decennio dopo l’Unità.
Ma non c’è bisogno di rifarsi alla storia per capire la vera natura di questa funesta “giustizia antimafia”. Del resto non mi pare che ci siano precedenti di parassitismo e di latrocinio commessi all’applicazione della “Legge Pica” sul brigantaggio e con l’azione dei Tribunali Militari, che non avevano “appendici” per l’”amministrazione” dei beni confiscati ai “briganti”.
Bando a queste evocazioni storiche (inutili, se non altro, per l’ignoranza di troppi esponenti di questa nostra Antimafia).
Veniamo al dunque. L’uso perverso di questo anticipo di “diritto penale libero”, di memoria nazista (c’è sempre da ricordare la denuncia di Pietro Calamandrei del 15 gennaio 1940). Lo “stampo mafioso” è stato, dunque, tirato in ballo, direi a vanvera, per il caso del “magna magna” capitolino.
E’ servito e serve per “neutralizzare” un Centrodestra che non c’è, cui si rinfacciano i precedenti neofascisti di Carminati, mentre si lascia balenare un facile mezzo coinvolgimento di Alemanno (è sempre facile coinvolgere qualcuno in questo reato a “vuota configurazione”) e serve ottimamente per risolvere inestricabili pasticci interni del P.D. A Palermo, patria delle più spericolate teorie circa il “contenuto” della mafia, fucina di stravaganza di legislazione penale giurisprudenziale, pare che nessuno se la senta, per timore di elezioni catastrofiche, di incriminare per mafia Crocetta, con il contorno di persone e cose dell’autentica antimafia mafiosa che lo sostiene. Il Partito dei Magistrati, arbitro della politica Italiana, guarda da un’altra parte.
Questa è l’Antimafia.

                                                                                   (mm)

Giustizia Giusta utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.