FacebookTwitterGoogleFeed

 

Alfano, il Brennero e il signor De Lapalisse

C’è un sonetto di Gioacchino Belli, in cui si parla di un convegno del “Segretar de Stato de l’Isterno” con l’ambasciatore “de ‘na gran Potenza”, nel quale “scanajorno l’umido e l’asciutto” (esaminava ogni cosa).

“Ar fine su Eminenza uprì la porta

      E disse: “Evviva, è combinato tutto

      Ne parleremo mejo n’antra vorta!”

A questo sonetto ho pensato sentendo l’incredibile dichiarazione di Alfano resa dopo l’incontro con il suo omologo Austriaco (probabilmente sotto sfratto per l’esito delle elezioni di cui si attende il ballottaggio).

Alfano, con aria solenne e fermo cipiglio ha dichiarato: “Oggi possiamo dire che il muro non si è fatto!” Breve pausa: “Almeno per ora”.

Chiaro? Chiarissimo! Lapalissiano.

Alfano lo chiameremo Lapalisse, il condottiero francese di cui quelli che erano stati i suoi soldati cantavano che prima di morire era ancora vivo.

Anche Alfano, se non un canto, merita almeno un elogio in versi. Peccato che io non sia G.G. Belli. Dovrà accontentarsi di versacci quasi zoppicanti:

Alfano è ritornato

dopo aver chiacchierato

      Col Collega straniero

        sgridandolo severo

Pel muro progettato

al confine di Stato

        Fatto appena ritorno

        più o meno a mezzogiorno

La stampa ha convocata

per darle l’imbeccata

      “E’ andato tutto bene:

        Controparte conviene

“Che il muro progettato

non è ancora elevato

“Possiam dunque dar atto

“che il muro non è fatto

        E aggiunge: “Fino ad ora”

        E domani? “chi sa?

      “Può darsi si farà

              (A bassa voce)    (Domani è un altro giorno

  non me ne frega un corno…)

“Chiarito vi ho benone

  qual è la situazione

      “A me però la gloria

       di cotale vittoria”

 In base a ciò che disse 

Alfano è Lapalisse.

29.04.2016

Mauro Mellini

Video In Evidenza

Il Libro

La rubrica

banner gg lib

Non è solo Saguto

annuncio

      CLICCA SULL'IMMAGINE PER INFO

La Newsletter

Privacy e Termini di Utilizzo

social

Giustizia Giusta utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.