FacebookTwitterGoogleFeed

 

Avvocato detenuto si mette la toga e fa il difensore

In Tribunale ci si trovava, benché agli arresti domiciliari, perché imputato in due processi.

Però c’era anche un processo in cui era difensore.

L’avvocato, il famigerato Giuseppe Arnone, con la massima disinvoltura si è messo la toga ed ha preso posto come difensore.

Il giudice, che non doveva essere un luminare del diritto, constatato che Arnone non è stato sospeso dall’esercizio della professione, lo ha autorizzato a svolgere, benché detenuto, autorizzato solo a recarsi in Tribunale per essere processato e non per altro, a svolgere attività di difesa. Il tutto ritengo abbia comportato manifeste nullità del procedimento in cui l’avvocato era invece un detenuto. Continuano le manifestazioni di “timore reverenziale” nei confronti di un personaggio che, in passato è stato considerato un “famigliare dell’Inquisizione” in chiave moderna…

Fino al grottesco che ha raggiunto ora il massimo.

E gli avvocati di Agrigento stanno a guardare.

Mauro Mellini 

22.11.2016

 

Video In Evidenza

Il Libro

La rubrica

banner gg lib

Non è solo Saguto

annuncio

      CLICCA SULL'IMMAGINE PER INFO

La Newsletter

Privacy e Termini di Utilizzo

social

Giustizia Giusta utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.