FacebookTwitterGoogleFeed

 

Purché nessuno dubiti che siamo arroganti e villani

Quando è in corso una difficile trattativa o si confidi sulla possibilità di imbastirla, è necessario in primo luogo lasciar intendere che si è disponibili, che non vi sono pregiudizi o preclusioni. C’è sempre tempo per farsi giudicare troppo rigidi.
Questo nelle situazioni normali, tra la gente normale, da parte di governanti normali.
Ma c’è chi, all’opposto, anche se sa che dovrà piegarsi, e confida sin dall’inizio in un provvidenziale compromesso, ha come sua principale preoccupazione quella di apparire testardo e irremovibile e, soprattutto, arrogante e villano.
La preoccupazione della coppia Salvini-Di Maio, ma soprattutto di Salvini in tutta la storia della c.d. manovra sembra sia stata e sia, ogni volta che sembrava avesse superato qualche difficoltà: “purchè poi non si dica che siamo stati ragionevoli”.
Anzi questa pare che sia la preoccupazione in ogni questione che vede il nostro Governo a confronto con l’Europa o con altri Governi. Basti pensare alla storia dei migranti e della nave “Diciotti”.
Ognuno, del resto, ci tiene ad essere valutato con gran punteggio in quello che è il suo mestiere.
Quando si sceglie la professione di Capitan Fracassa, se uno osa definirlo gentile e disponibile è come se gli desse uno schiaffo.


In tutta la storia del deficit e della manovra, il Governo ha fatto partire le sue manifestazioni di arroganze, di strafottenza di fronte alle regole e di rilevazioni delle nostre violazioni prima che si avesse un qualsiasi confronto.
Quando si è un Salvini, se non ti fai notare subito per la tua arroganza rischi di scomparire, di perdere apprezzamenti e voti.
E tra Di Maio e Salvini si è aperta una gara per aggiudicarsi il primato del “chi se ne frega”, in tutti i problemi con l’Europa.
Se c’è stato e c’è un non celato pregiudizio in ordine alla volontà dell’Italia di rimanere nell’Unione Europea, questo è il frutto di una scelta politica soprattutto di Salvini.
Politica sciagurata, che potrebbe portarci al baratro se non di una espulsione, di una “messa al cantone” e che preclude, o rendere difficilissima l’opera di modifica al meglio delle regole europee.
Ma ogni limone dà il succo che ha dentro e le rape non danno sangue.
A questo siamo ridotti. Sperare in una certa ragionevolezza di Salvini. Sperare che la sua recitazione non gli venga bene.

Mauro Mellini
28.11.2018

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Video In Evidenza

Il Libro

La rubrica

banner gg lib

Non è solo Saguto

annuncio

      CLICCA SULL'IMMAGINE PER INFO

La Newsletter

Privacy e Termini di Utilizzo

social

Giustizia Giusta utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.