INPS, 800 euro al mese per famiglia: ecco il nuovo RdC europeo spiegato dall’ente

Arrivano 800 euro al mese per famiglia grazie al sostegno Inps. Ecco il novo RdC europeo spiegato dall’Ente.

Manca poco prima che arrivino i primi accrediti previsti dall’Assegno di Inclusione. Si tratta di un nuovo bonus che, coordinato con il Supporto formazione e lavoro, sostituirà il Reddito di Cittadinanza.

INPS, 800 euro al mese per famiglia
Il nuovo bonus che potrebbe interessare le famiglie (Giustiziagiusta.info)

Si tratta di un assegno di importo e durata molto simile a quello del Reddito di Cittadinanza. Verranno erogati 500 euro al mese, oltre ad eventuali 280 euro per quelle famiglie che hanno un contratto d’affitto. Il bonus potrà essere rinnovato per ulteriori 18 mesi e prorogato per un altro anno, successivamente all’intervallo di un mese. Ma i requisiti per poter ricevere il bonus sono cambiati. Possono infatti ricevere l’Assegno solo quelle famiglie in cui è presente un soggetto non occupabile. Si tratta di una persona con almeno 60 anni di età, un minorenne, oppure un disabile.

Ecco come funziona il novo RdC

A spiegare le ultime novità relative all’Assegno è stato l’ex Presidente Inps, Pasquale Tridico. Secondo lui attualmente non è stato predisposto un welfare europeo. Aiutare chi ne ha più bisogno, infatti, è ancora il compito di ogni Stato e questo non aiuta chi è in condizioni di maggiori difficoltà. Ecco perché Tridico propone un Reddito di cittadinanza europeo da poter corrispondere a chi non ha un lavoro e a chi lavora, ma che riceve una retribuzione al di sotto della soglia di povertà.

INPS, 800 euro al mese per famiglia
Ecco come potrebbe funzionare (Giustiziagiusta.info)

Ovviamente, spiega l’ex presidente dell’Inps, questa soglia non dovrà essere necessariamente la stessa per tutti gli Stati appartenenti all’Unione Europea. Nel nostro Paese, infatti, tale soglia è stata fissata a 800 euro al mese. Secondo Tridico, dunque, l’idea potrebbe essere quella di consegnare un Reddito di 800 euro al mese a chi non lavora e a chi non riesce a guadagnare una cifra superiore a tale importo. In nazioni come la Francia e la Germania, in cui il Pil è più alto, la cifra dovrebbe essere maggiore, anche per via del costo della vita più alto.

Il costo di questa misura, secondo Tridico, dovrebbe aggirarsi attorno ai 200 miliardi di euro l’anno a livello europeo. Le coperture necessarie a finanziarie tale misura, continua l’ex presidente Inps, arriverebbero dalla tassazione sui capitali delle società. Tridico ha infatti affermato che l’attuale Assegno di Inclusione che è stato erogato dal Governo Meloni non è abbastanza forte per poter dare un reale sostegno a quelle famiglie che hanno bisogno di aiuti seri.

Impostazioni privacy