Tra le banche italiane Morgan Stanley sceglie Mediobanca, cosa fare?

Nonostante quattro settimane consecutive al ribasso, le azioni Mediobanca stanno lentamente recuperando e la tenuta dei supporti potrebbe favorire una nuova ripartenza al rialzo. Rialzo che potrebbe anche essere favorito da Morgan Stanley che ha rivisto al rialzo il prezzo obiettivo su Mediobanca.

Morgan Stanley rivede il suo giudizio sulle banche italiane

Morgan Stanley ha pubblicato una ricerca sulle banche italiane, analizzando l’impatto del recente taglio dei tassi da parte della BCE. Nonostante un settore europeo attraente, le banche italiane dimostrano una notevole resilienza. La banca d’affari ha aumentato i target price di Intesa Sanpaolo, Unicredit, Mediobanca e Banco BPM, declassando però quest’ultima a Equal-weight.

Il taglio dei tassi della BCE potrebbe portare a un progressivo allentamento monetario, ma le tempistiche dipenderanno dai dati economici. Morgan Stanley prevede un secondo taglio a settembre e una riduzione del costo del capitale proprio (CoE) per le banche italiane, pur mantenendolo sopra la media europea. Tuttavia, si attende un ampliamento dello spread Btp-Bund e un aumento del premio per il rischio a causa della volatilità macroeconomica.

La riduzione dei tassi prefigura una debolezza dei margini di interesse per le banche italiane. Pertanto, Morgan Stanley preferisce istituti con ricavi diversificati e una crescita delle commissioni che possano sostenere la generazione e distribuzione di capitale. Intesa Sanpaolo e Mediobanca sono considerate le banche con il profilo più interessante per il triennio 2024-26, grazie ai loro ricavi diversificati.

Tenendo conto dell’aumento delle stime sulle commissioni e del CoE più basso, Morgan Stanley ha alzato i target price delle banche italiane di circa l’8-10%.

Nel caso specifico di Mediobanca ha alzato il prezzo obiettivo da 16,9 € a 18,2 €.

Le indicazioni dell’analisi grafica sul titolo Mediobanca

La tendenza in corso è ancora  rialzista nonostante le quattro sedute consecutive al ribasso. La tenuta della tendenza in corso al momento è favorita dalla tenuta del supporto in area 13,312 €. In questo caso il rialzo potrebbe proseguire secondo lo scenario indicato in figura.

Qualora, invece, le quotazioni dovessero chiudere la settimana sotto il supporto in area 13,312 €, allora potremmo assistere a un’inversione di tendenza.

Situazione contrastata per gli indicatori sul titolo Mediobanca
Situazione contrastata per gli indicatori sul titolo Mediobanca

Lettura consigliata 

Azioni che si sono distinte nel settore telefonico

Gestione cookie