Le azioni Amplifon non se la passano molto bene, quali sono i motivi?

Dopo la debolezza delle ultime settimane, per le azioni Amplifon quella in corso potrebbe essere una settimana decisiva. Le quotazioni, infatti, potrebbero rompere supporti importanti e accelerare ulteriormente al ribasso.

Perché le azioni Amplifon stanno attraversando questo momento di debolezza?

Amplifon sta affrontando un periodo di pressione ribassista in vista dei risultati del secondo trimestre, che saranno pubblicati il 30 luglio. Secondo Equita SIM, il secondo trimestre ha registrato un rallentamento dei dati di sell-in negli USA e una performance piatta in Europa, con una crescita stimata tra il 2% e il 3% in Asia-Pacifico. Nel complesso, si prevede che il mercato globale abbia registrato una crescita dei volumi del 2%, rispetto al 4% del primo trimestre, con l’Europa, area principale per Amplifon, più lenta rispetto al resto del mondo.

Equita SIM ha rivisto le sue stime per Amplifon, riducendo la previsione di crescita organica dal 7,9% al 5,5%, con una riduzione della crescita in Europa al 3,5%, mentre le Americhe e l’Asia-Pacifico rimangono rispettivamente al 9,2% e 9,7%. Gli analisti hanno anche aumentato l’impatto del forex da -1% a -2%, principalmente per l’America Latina, e il contributo delle operazioni di fusione e acquisizione (M&A) da 3,0% a 3,7%, portando il fatturato previsto a 614,8 milioni di euro.

Nonostante la minore crescita organica e gli impatti diluitivi delle M&A, si prevede che Amplifon riporti una crescita dell’EBITDA margin, con un EBITDA adjusted in aumento dell’8% a 165,2 milioni di euro. Gli analisti hanno aumentato leggermente gli investimenti per le M&A a 35 milioni di euro nel secondo trimestre, superando i 100 milioni di euro nel primo semestre. L’indebitamento finanziario netto è atteso a 931 milioni di euro, con un free cash flow di 57 milioni di euro.

Per l’intero anno, Equita SIM ha ridotto la stima dei ricavi dell’1,2% a 2,444 miliardi di euro, incorporando una crescita organica del 6,3%, in calo rispetto al 7,2% precedente, a causa della minore accelerazione del mercato europeo. Le previsioni per le M&A sono state aumentate al 3,6% dal 2,8% e quelle per il forex al -1,7% dallo 0,6%. Questo porta a una revisione del -1,4% sull’EBITDA adjusted a 602 milioni di euro e del -2% sull’eps adjusted.

Le revisioni per gli anni successivi sono intorno all’1%, considerando il potenziale più robusto delle M&A e un’Europa con un maggiore potenziale di recupero. Equita SIM ha confermato il target price di Amplifon a 34 €, mantenendo invariata la raccomandazione “hold”. Gli analisti ritengono che il titolo tratti a multipli che riflettono correttamente le caratteristiche di buona crescita organica e le interessanti opportunità di consolidamento.

Le indicazioni dell’analisi grafica sul titolo Amplifon

L’impostazione del titolo è saldamente ribassista, ma una chiusura settimanale inferiore a 30,80 € potrebbe favorire un’accelerazione ribassista secondo lo scenario indicato in figura. Per un’inversione di lungo periodo, però, potrebbe essere fondamentale la rottura del supporto storico in area 23,77 €. Negli ultimi due anni, infatti, questo livello è stato decisivo per sostenere le quotazioni di Amplifon.

Una chiusura settimanale superiore a 30,80 €, invece, potrebbe favorire una ripresa del rialzo.

Tutti gli indicatori sono impostati al ribasso sul titolo Amplifon
Tutti gli indicatori sono impostati al ribasso sul titolo Amplifon

Lettura consigliata 

I numeri di Banca Mediolanum continuano a crescere e in Borsa cosa succede?

Gestione cookie