Figlio rifiuta il lavoro offerto dai genitori: ha ancora diritto al mantenimento?

Devi mantenere per legge tuo figlio anche se rifiuta i lavori che gli vengono offerti? Ecco che cosa dice la legge a riguardo.

I figli sono pezzi di cuore, anche quando sono in casa con te ben oltre il diploma di maturità e la laurea triennale. Non è solo questione di amore, per legge i genitori sono tenuti a mantenere i figli finché non saranno indipendenti e autonomi economicamente, entro un certo limite di età.

figli che non lavorano e mantenimento
Come fare se i figli non vogliono lavorare (Giustiziagiusta.info)

In questa economia trovare lavoro è tutt’altro che facile, ma cosa succede quando le offerte che arrivano vengono sistematicamente rifiutate? Il mantenimento è ancora un dovere di mamma e papà?

Per quanto tu possa amare tuo figlio e volerlo vedere felice, un’altra persona che grava sul bilancio familiare non è facile da mantenere in questo periodo di crisi e di prezzi della vita alle stelle. Ecco perché è lecito che tu voglia sapere che cosa fare di tuo figlio che sembra non avere nessuna intenzione di trovarsi un lavoro o una sistemazione autonoma. Da che parte sta la legge? Devi comunque mantenerlo ad oltranza? Ecco che cosa devi sapere.

Tuo figlio non vuole lavorare: devi ancora pagare il suo mantenimento in famiglia?

Non importa quanto vogliamo bene o quanto teniamo ai nostri figli, ad un certo punto è giusto che li lasciamo andare. È giusto che facciano la loro vita, mettano su la loro famiglia se vogliono e, in generale, che si rendano indipendenti e autonomi anche dal punto di vista economico.

figli che non lavorano e mantenimento
Come fare se i figli non vogliono lavorare (Giustiziagiusta.info)

Da questo punto di vista le cose potrebbero non essere facili, considerando la situazione economica del nostro paese e la situazione del mercato del lavoro. E che cosa succede se il lavoro non si trova mai? O peggio, se i nostri figli lo rifiutano sistematicamente?

Secondo la legge, ovviamente, dipende dai casi. Il figlio può rifiutare il lavoro proposto dai genitori senza perdere il mantenimento se sussistono alcune condizioni: ad esempio se è minorenne, se sta cercando in autonomia un lavoro diverso, se non può accettare per motivi di salute o se sta completando un percorso di studi incompatibile con il lavoro proposto. In tutti questi casi, il genitore ha ancora il dovere di mantenerlo fino a che la situazione non cambierà.

Diverso è se il rifiuto del lavoro è dettato semplicemente dalla pigrizia: in quel caso il figlio è tenuto ad accettare il lavoro che potrebbe dargli l’indipendenza.

Impostazioni privacy