Pensione di marzo più ricca: applicate nuove aliquote IRPEF e addizionali

La pensione di marzo sarà più ricca grazie alle nuove aliquote IRPEF e agli addizionali. Ecco quale dovrebbe essere l’importo aggiornato.

Ci sono fantastiche notizie in arrivo per tutti i cittadini residenti in Italia che hanno diritto alla pensione. Stando a quanto emerso, infatti, all’interno del cedolino di marzo 2024 ci saranno alcuni importi maggiorati e che porteranno ad introiti maggiori sul conto corrente.

Tutti gli aumenti previsti per le pensioni a partire da marzo 2024
Pensioni di marzo, sono in arrivo aumenti (Giustiziagiusta.info)

Una decisione che arriva in seguito all’inserimento delle nuove aliquote IRPEF e degli addizionali. Si tratta di un adeguamento ulteriore e che segue quello legato all’inflazione che è stato applicato a gennaio e febbraio sugli assegni.

Per la nuova IRPEF invece, come già comunicato in precedenza, sarà necessario attendere il mese di marzo. Con gli addizionali che invece riguardano gli arretrati dei mesi di febbraio e gennaio, che arrivano in anticipo rispetto alla decorrenza inizialmente prevista, che era fissata ad aprile.

Pensione più ricca a marzo: ecco gli importi aggiornati

A comunicare il tutto ci ha pensato direttamente l’INPS, con una nota ufficiale nella quale è stata annunciata l’integrazione delle nuove aliquote IRPEF e del pagamento degli arretrati a partire dal mese di marzo. “Le trattenute IRPEF vengono effettuate sulla base della riduzione da quattro a tre degli scaglioni di reddito. Sul cedolino di pensione di marzo 2024 viene riportata la seguente annotazione: <<da questa mensilità, la tassazione viene applicata sulla base degli scaglioni IRPEF del decreto legislativo 216/2023>>si legge nella nota.

A marzo pensione più ricca, ecco gli importi aggiornati
Tutte le modifiche al cedolino della pensione da marzo (Giustiziagiusta.info)

Ma come fare per calcolare i nuovi importi previsti? Secondo quanto emerso, per gli importi che vanno dai 15mila ai 28mila euro lordi, la trattenuta IRPEF passerà dal 25 al 23%. Discorso simile anche per gli importi superiori ai 28mila, ma la trattenuta IRPEF sarà minore rispetto all’assegno dello scaglione precedente. Stando alle prime stime, l’aumento netto anno sarà pari a 260 euro. Che equivale a circa 20 euro in più al mese.

Per ciò che riguarda gli scaglioni IRPEF, che sono in vigore già da gennaio ma che ancora non erano stati applicati dall’INPS, si parla oggi del 23% sui redditi lordi fino a 28.000 euro annui, del 35% sui redditi tra 28.001 euro e 50.000 euro annui e del 43% per importi superiori ai 50.000 annui.

Parlando infine di date di pagamento, questa è la lista completa in base all’ordine alfabetico:

  • A e B: 1 marzo 2024
  • C e D: 2 marzo 2024
  • da E a K: 4 marzo 2024
  • da L a O: 5 marzo 2024
  • da P a R: 6 marzo 2024
  • da S a Z: 7 marzo 2024
Impostazioni privacy