Addio auto elettriche: la decisione drastica che scuote anche i marchi più famosi

Presto diremo addio alle auto elettriche? Potrebbe presto essere presa una decisione drastica al riguardo: i dettagli.

Negli ultimi anni il mercato delle auto elettriche ha subito un grande balzo in avanti, soprattutto per quanto riguarda le utilitarie che vengono sempre più acquistate da chi deve muoversi in città. Stando a varie previsioni nel 2035 il mercato dell’elettrico sarà pari a circa il 70% di quello totale.

Novità mercato auto elettriche
Diremo presto addio alle auto elettriche? (Giustiziagiusta.info)

L’Unione Europea, attraverso il “dossier auto elettrica” vuole lo stop alla vendita di automobili non a batteria dal 2035. Nonostante questo, però, molte case automobilistiche stanno rivedendo i piani di elettrificazione. Questo perché Renault ed altre industrie stanno rivedendo i piani di elettrificazione: la strategia è avere una gamma di veicoli a combustione interna con tecnologia ibrida e un modello completamente elettrico in ogni segmento.

Stop alle auto elettriche: la decisione che potrebbe cambiare il mercato

Sempre più case automobilistiche stanno ripensando le loro strategie di elettrificazione, riducendo la produzione di auto elettriche e rimandando i piani per la completa transizione all’elettrico. I motivi principali di questo cambiamento sono da rivedere innanzitutto nelle condizioni avverse del mercato: le auto elettriche sono ancora costose per molti consumatori e l’infrastruttura di ricarica non è ancora diffusa capillarmente.

Auto elettrica in ricarica
Addio alle auto elettriche? Le novità (Giustiziagiusta.info)

Altri due motivi riguardano invece le incertezze normative e la concorrenza dei costruttori cinesi. Per quanto riguarda le incertezze normative, il quadro normativo europeo sull’auto elettrica è ancora in evoluzione e non è chiaro quali saranno le regole future. Dall’altro lato i costruttori cinesi stanno diventando sempre più competitivi nel mercato delle auto elettriche, offrendo modelli più convenienti.

E’ proprio in questo contesto che le case automobilistiche stanno rivedendo i loro piani di vendita. Renault, ad esempio, aveva annunciato che avrebbe venduto solo auto elettriche entro il 2030, ma ora ha rimandato questo obiettivo al 2035. Mercedes ha invece annunciato che continuerà a investire nei motori a combustione interna e che le auto elettriche costeranno più delle auto tradizionali per molti anni.

Ancora, Land Rover ha tagliato da sei a quattro i modelli elettrici da immettere sul mercato entro il 2026 mentre Toyota sta sviluppando nuovi modelli con motore a combustione interna di prossima generazione e prevede che le auto elettriche avranno solo una quota del 30% del mercato. Anche Apple, infine, ha recentemente abbandonato il suo progetto di sviluppare un’auto elettrica.

La transizione all’auto elettrica è un processo complesso e sfidante che richiederà tempo e sforzi da parte di tutti gli attori coinvolti. Proprio per questo motivo è importante che le case automobilistiche, i governi e i consumatori collaborino per creare un ecosistema di mobilità sostenibile che sia accessibile a tutti.

Impostazioni privacy