Pensione, come cambiare le coordinate per l’accredito: è facile e veloce

Pensione, come poter cambiare le coordinate per l’accredito: si tratta di una procedura estremamente facile e veloce. I passaggi da seguire.

È possibile modificare le proprie coordinate bancarie al fine dell’accredito della pensione. Si tratta di una procedura molto semplice che consente a tutti i pensionati di poter aggiornare il proprio IBAN e di ricevere il denaro da parte dell’Inps.

Pensione, come cambiare le coordinate di accredito
Coppia di pensionati (Giustiziagiusta.info)

Operazione all’ordine del giorno che può risultare essere necessaria, ad esempio, in seguito ad un cambio di istituto bancario. Il servizio è sempre aperto ed è disponibile per tutti i pensionati che hanno necessità, come accennato precedentemente, di cambiare i dati inerenti all’istituto pagatore. È importante tener presente che si tratta di una prassi ormai all’ordine del giorno e che prevede determinati passaggi molto semplici da eseguire.

Ecco come modificare le coordinate bancarie per l’accredito della pensione

Come menzionato in precedenza, molti pensionati hanno la necessità di dover modificare le proprie coordinate bancarie. Di seguito saranno fornite tutte le direttive da seguire attentamente al fine di portare a termine correttamente la procedura. A chi è rivolto il servizio? Questo servizio è rivolto a tutti coloro che devono aggiornare l’IBAN che è associato all’entità che eroga il pagamento come ad esempio una banca, le Poste Italiane o una filiale estera.

Pensione, possibilità di modificare le coordinate
Home banking (Giustiziagiusta.info)

Per poter iniziare il processo di aggiornamento delle coordinate bancarie, il pensionato dovrà accedere al sito web dell’Inps. Inoltre, dovrà avere a portata di mano sia il codice fiscale che le credenziali di accesso per il portale dell’Inps. Subito dopo aver effettuato l’accesso, dovrà seguire le semplici istruzioni che sono fornite direttamente dalla piattaforma. Potrebbe essere richiesto, solo per motivi di sicurezza, l’inserimento delle attuali coordinate prima della modifica definitiva.

Dopo aver completato la procedura di inserimento, il sistema genera in automatico una ricevuta che il pensionato dovrà scaricare e stampare. Si tratta di un documento che serve come conferma della richiesta effettuata e potrebbe essere anche richiesto per eventuali cambiamenti nel futuro. Si ricorda, come accennato precedentemente, che la domanda può essere presentata in qualsiasi momento e non sono previste delle restrizioni temporali.

Inoltre, si rammenda che la procedura dovrà essere effettuata dal diretto interessato. Per quanto riguarda le tempistiche, la legge n. 241/1990 stabilisce che il provvedimento amministrativo si esplica in 30 giorni. Utile tener presente che possono sussistere delle situazioni particolari, ragion per cui è consigliabile tener presente eventuali aggiornamenti o specifiche da parte dell’Inps.

Impostazioni privacy