L’euro riesce a resistere alla pressione del dollaro, ma il futuro è ancora incerto

L’euro reagisce alle difficoltà e si rafforza contro il dollaro. Tuttavia, il futuro di medio/lungo periodo è ancora molto incerto. Questi sono i livelli da monitorare con attenzione.

Panoramica sugli dai macro che hanno condizionato e potrebbero condizionare il cambio euro dollaro

Il prezzo dell’euro dollaro è riuscito a rimbalzare nel corso della seduta di venerdì dopo avere chiuso sei sedute consecutive al ribasso. Questo movimento è stato alimentato dai promettenti dati preliminari dell’indice PMI dell’Eurozona per maggio, che hanno migliorato le prospettive economiche della regione. L’incremento nel PMI composito, che ha raggiunto il 52,3, suggerisce una ripresa economica più robusta, influenzando positivamente il valore dell’euro rispetto al dollaro americano.

L’Eurozona ha riportato che il PMI composito ha superato le aspettative, spingendo al rialzo il valore dell’euro. Il capo economista dell’Hamburg Commercial Bank ha interpretato i dati come un segno di miglioramento significativo, che potrebbe indurre la Banca Centrale Europea (BCE) a considerare un taglio dei tassi già nella riunione del 6 giugno. Tuttavia, nonostante le aspettative positive, alcuni policymaker della BCE rimangono cauti riguardo alla velocità dei tagli dei tassi, temendo che possano rinnovare le pressioni inflazionistiche.

Questa situazione mette a confronto diretto le politiche della BCE con quelle della Federal Reserve (FED). Nonostante i dati di inflazione leggermente più moderati, la FED rimane riluttante a ridurre i tassi di interesse. I verbali del Comitato Federale del Mercato Aperto (FOMC) hanno mostrato una FED ancora preoccupata per la persistenza dell’inflazione, incline a mantenere i tassi elevati per un periodo prolungato.

I mercati finanziari reagiscono ai diversi orientamenti politici delle banche centrali. L’euro appare più forte nel breve termine a causa delle aspettative di un allentamento monetario da parte della BCE. Tuttavia, la forza del dollaro continua a essere sostenuta da una FED cauta, che potrebbe limitare l’ulteriore apprezzamento dell’euro se i dati economici statunitensi continueranno a mostrare solidità.

In sintesi, il recente rialzo dell’euro contro il dollaro è stato supportato da dati economici favorevoli dell’Eurozona e dalla possibilità di un allentamento monetario da parte della BCE. Tuttavia, l’incertezza rimane, poiché la FED continua a mantenere una politica monetaria restrittiva, bilanciando così le prospettive di ulteriore rafforzamento dell’euro. I mercati continueranno a monitorare attentamente le mosse delle due principali banche centrali e i dati economici futuri per determinare la direzione del tasso di cambio euro-dollaro.

L’euro riesce a resistere alla pressione del dollaro, ma il futuro è ancora incerto: le indicazioni dell’analisi grafica

Le quotazioni del cambio euro dollaro sono sospese tra rialzo (scenario indicato dalla linea tratteggiata) e ribasso (scenario indicato dalla linea continua). I livelli da monitorare in chiusura settimanale e che possono discriminare tra rialzo e ribasso sono 1,0824 e 1,0865.

Situazione incerta per gli indicatori sul cambio euro dollaro
Situazione incerta per gli indicatori sul cambio euro dollaro

Lettura consigliata 

Impostazioni privacy