Over 50, tutti i bonus che puoi richiedere nel 2024: l’elenco completo

Esistono ancora numerose misure economiche per le tue finanze. Ecco tutti i bonus per gli over 50 nel 2024.

I tempi che stiamo vivendo non sono affatto semplici da affrontare. A causa dell’inflazione e della crescente crisi economica, infatti, affrontare le spese è sempre più difficile.

Over 50, tutti i bonus che puoi richiedere nel 2024
Ecco quali sono i bonus per gli over 50 (Giustiziagiusta.info)

Ma fortunatamente viviamo in un Paese democratico, dove è previsto un sistema di welfare particolarmente efficiente. Tuttavia, anche coloro che un’età avanzata possono accedere agli aiuti dello Stato. Ecco perché vogliamo mostrarti quali sono tutti i bonus nel 2024 per gli over 50.

I bonus per gli over 50

Una delle misure più interessanti per coloro che hanno almeno 50 anni è l’Assegno di Inclusione. Si tratta del successore del Reddito di Cittadinanza ed è pensato per determinate categorie di nuclei familiari in cui vi è almeno un membro con disabilità, un minorenne o una persona con più di 60 anni. Possono ricevere l’Assegno chi ha un Isee massimo di 9.360 euro, oltre a dover soddisfare altri requisiti legati al reddito familiare e al patrimonio. L’obiettivo della misura è di aumentare il reddito delle famiglie per permettere loro di affrontare le numerose spese mensili.

Over 50, tutti i bonus che puoi richiedere nel 2024
Puoi usufruire di queste soluzioni (Giustiziagiusta.info)

Un altro bonus interessante è il Bonus assunzioni over 50. Si tratta di nuovi incentivi per l’assunzione di lavoratori over 50 disoccupati da almeno un anno. Coloro che assumono queste categorie possono beneficiare di un’interessante riduzione dei contributi pari al 50%.  L’obiettivo è quello di incentivare l’inserimento nel mercato del lavoro gli individui con un’età superiore ai 50 anni che si trovano in stato di disoccupazione.

Un’altra soluzione è la Naspi prolungata. Si tratta di un aiuto finanziario per coloro che sono in stato di disoccupazione e che hanno perso il posto in modo involontario. VI è il 75% della retribuzione di riferimento, oltre ad una diminuzione progressiva del 3% mensile degli importi a partire dal sesto mese di godimento del sostegno. Chi ha un’età maggiore di 55 anni avrà una decurtazione a partire dal settimo mese.

Interessante è anche Quota 103 in ottica di pensionamento. Si tratta di una forma di pensione anticipata che dà la possibilità ai lavoratori di accedere alla pensione anticipata quando si compiono almeno 62 anni di età. Devono inoltre maturare 41 anni di contributi versati. Per poter usufruire della misura è necessario soddisfare i requisiti richiesti entro il 31 dicembre del 2024. Infine, vi è la pensione anticipata per donne disabili. Chi lavora nel settore privato e ha un’invalidità dell’80% o superiore, può usufruire della pensione di vecchiaia anticipata ai 56 anni di età.

Impostazioni privacy