Eredità, se l’accetti puoi non pagare questi debiti: non farti imbrogliare

Se una persona che viene a mancare ti lascia un’eredità che contiene dei debiti, sappi che non spetta a te pagarli tutti.

Ereditare beni da una persona defunta è un evento comune, ma spesso ciò che si eredita non sono solo attività materiali, ma anche debiti. Questo aspetto può generare preoccupazione tra gli eredi, poiché non è sempre chiaro quali debiti devono essere pagati e quali possono essere ignorati. Infatti per legge alcuni debiti ereditati dal defunto non devono essere pagati, anche se si accetta l’eredità.

quali debiti ereditati si pagano
Non tutti i debiti ereditati sono da pagare (Giustiziagiusta.info)

È vero che accettare un’eredità comporta l’accettazione di tutti gli aspetti del patrimonio del defunto, inclusi i debiti. Tuttavia, esistono situazioni in cui gli eredi non sono obbligati a pagare determinati debiti. La rinuncia all’eredità è un’opzione per evitare di assumere sia gli attivi che i passivi del patrimonio del defunto. Tuttavia, prima di prendere una decisione, è fondamentale esaminare attentamente la situazione finanziaria del defunto e quali sono i debiti che ha lasciato.

Quali debiti non ti spetta pagare

Per capire se ci sono debiti da pagare o meno, una pratica comune è accettare l’eredità con il beneficio d’inventario. Questo implica la valutazione e la distinzione tra i beni del defunto e quelli dell’erede. In caso di debiti superiori agli attivi ereditati, l’erede è tenuto a restituire solo il valore dei beni ricevuti, senza dover contribuire con risorse aggiuntive dal proprio patrimonio.

I debiti che di solito passano agli eredi includono fatture scadute alla data del decesso, tasse evase durante la vita del defunto, spese condominiali arretrate, cartelle esattoriali, mutui e prestiti contratti dal defunto. Tuttavia, ci sono situazioni in cui gli eredi non sono tenuti a pagare i debiti. Vediamo quali sono.

si possono avere debiti in eredità
È bene esaminare la situazione finanziaria del defunto prima di accettare o rifiutare un’eredità (Giustiziagiusta.info)

In primo luogo i debiti prescritti. Se un creditore non ha avviato le procedure di recupero entro i termini di prescrizione previsti dalla legge, il debito non è più esigibile e gli eredi non sono tenuti a pagarlo. Poi ci sono sanzioni e multe. Le sanzioni per omessi versamenti contributivi, tasse o imposte, così come le multe per infrazioni o violazioni, non passano agli eredi a causa della morte del debitore.

Tutte le sanzioni, da quelle per omessi versamenti dei contributi assistenziali e previdenziali del defunto, a quelle per tasse e imposte a Stato, Comune o Regione, non passano agli eredi. È fondamentale ottenere consulenza legale o fiscale qualificata per comprendere appieno le implicazioni finanziarie di un’eredità e per valutare attentamente le opzioni disponibili. Inoltre, mantenere una comunicazione aperta con i creditori e cercare soluzioni di compromesso può aiutare a gestire in modo efficace i debiti ereditati.

In conclusione, ereditare debiti può essere una parte complessa del processo di successione. Tuttavia, con una pianificazione oculata e una comprensione chiara dei diritti e delle responsabilità degli eredi, è possibile gestire in modo efficace il patrimonio del defunto, garantendo una transizione finanziaria il più armoniosa possibile.

Impostazioni privacy