Prima assegno e poi pensione dall’INPS senza contributi se hai queste patologie: quanto ti spetta

Ecco quali patologie danno diritto a pensioni e assegni INPS. In alcuni casi a fare la differenza è la percentuale di invalidità: tutti i dettagli.

In Italia tutti coloro che presentano una determinata condizione di invalidità sono aiutati da pensioni e assegni erogati dall’INPS. Il supporto viene erogato nei confronti dei cittadini affetti da minoranze fisiche o psiche e nel dettaglio quest’ultimi vengono supportati attraverso prestazioni economiche.

pensioni inps
Ecco quali patologie danno diritto a pensioni e assegni INPS (GiustiziaGiusta.info)

Nelle prossime righe andremo ad analizzare dettagliatamente le principali misure di favore nei confronti dei cittadini bisognosi facendo riferimento anche alla percentuale di invalidità.

Ecco a chi vengono erogati gli assegni e le pensioni INPS di invalidità

Partiamo con la pensione di inabilità. Si tratta di una prestazione economica erogata dall’INPS nei confronti di tutte quelle persone alla quale vi è riconosciuta una inabilità lavorativa totale del 100% e permanente, nonché uno stato avanzato di bisogno economico. I requisiti per ricevere tale pensione sono:

  • Età compresa tra i 18 e i 67 anni;
  • Riconoscimento dell’inabilità totale e permanente (100%);
  • Reddito minore della soglia stabilita annualmente per legge;
  • Cittadinanza italiana;
  • I cittadini comunitari devono richiedere l’iscrizione all’anagrafe del comune di residenza;
  • I cittadini stranieri extra-UE devono possedere il permesso di soggiorno da almeno un anno;
  • Residenza stabile e abituale sul territorio nazionale.
pensioni inps
Ecco a chi vengono erogati gli assegni e le pensioni INPS di invalidità (Giustiziagiusta.info)

Poi abbiamo anche le percentuali di invalidità per l’indennità di accompagnamento. I mutilati e gli invalidi civili hanno diritto ad una prestazione economica poiché gli venga riconosciuta l’impossibilità a deambulare senza l’aiuto di un accompagnatore, in poche parole l’incapacità totale di compiere gli atti quotidiani della vita. Questi i requisiti p;er poter ricevere l’indennità di accompagnamento:

  • Stato di inabilità totale e permanente (100%);
  • Riconoscimento dell’impossibilità a deambulare senza l’aiuto permanente di un accompagnatore;
  • Riconoscimento dell’impossibilità a compiere in autonomia gli atti quotidiani della vita, senza un’assistenza continua;
  • Residenza stabile e abituale sul territorio nazionale;
  • Cittadinanza italiana;
  • Iscrizione all’anagrafe della popolazione residente, per i cittadini stranieri comunitari;
    Permesso di soggiorno di almeno un anno per i cittadini extra-Ue.

Avete mai sentito parlare delle percentuali di invalidità per l’assegno mensile di assistenza? Si tratta di una prestazione economica garantita dall’INPS nei confronti dei soggetti ai quali è stata riscontrata una riduzione parziale della capacità lavorativa (dal 74% al 99%). Ecco i requisiti per ricevere tale prestazione economica:

  • Invalidità riconosciuta e compresa tra il 74% e 99%;
  • Reddito non superiore alla soglia stabilita ogni anno per legge;
  • Mancato svolgimento di attività lavorativa;
  • Età compresa tra i 18 e i 67 anni;
  • Cittadinanza italiana;
  • Per i cittadini stranieri comunitari e cittadini extra-comunitari loro familiari è necessario l’iscrizione all’anagrafe del comune di residenza;
  • Per i cittadini stranieri extra-comunitari è richiesto il permesso di soggiorno di almeno un anno;
  • Residenza stabile e abituale sul territorio nazionale.
Impostazioni privacy