SFL, l’INPS eroga i 350€ se non si seguono corsi? La risposta ufficiale

La risposta ufficiale dell’INPS a questa domanda conferma l’impegno verso una gestione trasparente e responsabile dei fondi.

Nel panorama delle misure di sostegno al reddito e all’occupazione in Italia, il Supporto Formazione e Lavoro (SFL) è uno strumento chiave nella lotta alla disoccupazione e all’inattività lavorativa.

come funziona il supporto formazione e lavoro
L’SFL mette a disposizione dei cittadini 350 euro mensili, da spendere in corsi di formazione (Giustiziagiusta.info)

Con un supporto di 350 euro mensili, l’SFL mira a incentivare la partecipazione attiva dei cittadini a percorsi di formazione e riqualificazione professionale. Ma cosa accade realmente quando l’iscrizione ai corsi non si traduce in partecipazione effettiva? La posizione ufficiale dell’INPS a riguardo è molto chiara.

Le domande sulla possibilità di percepire la somma promessa anche senza la frequenza ai corsi è sorta spontanea nel momento in cui sono emersi casi in cui tali benefici sembrano essere erogati anche in assenza di una partecipazione concreta alle attività formative. Queste situazioni, pur essendo marginali, hanno comunque sollevato interrogativi sulla gestione e sulle finalità dell’SFL.

Soldi dell’SFL senza partecipare ai corsi? Solo in alcuni casi

In realtà, la normativa in materia rende molto chiari i requisiti da rispettare per ricevere l’indennizzo di 350 euro mensili. Il decreto ministeriale n. 108/2023 e la circolare INPS n. 77 del 29 agosto 2023 stabiliscono che l’accesso a questo beneficio sia subordinato non solo all’iscrizione, ma anche alla partecipazione attiva ai corsi di formazione e alle altre attività previste. Questo requisito sembra togliere ogni dubbio sull’obbligatorietà della frequenza ai corsi, a cui tuttavia sembrano esserci delle eccezioni.

i soldi del sfl non si percepiscono se non si partecipa ai corsi
Molti cittadini si chiedono se sia possibile usufruire dell’agevolazione senza tuttavia frequentare i corsi (Giustiziagiusta.info)

Analizzando più da vicino le disposizioni normative, emerge che l’SFL non è concepito come una misura assistenziale passiva. Al contrario, il programma è strutturato per essere dinamico e interattivo e quindi richiede ai beneficiari un impegno costante e misurabile. È prevista anche una verifica trimestrale della partecipazione alle attività, un meccanismo di controllo che conferma la volontà dell’INPS di garantire che il sostegno finanziario sia accompagnato da un effettivo percorso di avvicinamento al mercato del lavoro.

L’attenzione di molti cittadini si è però focalizzata su quei casi eccezionali in cui l’erogazione del sostegno sembra discostarsi dalla norma. Queste anomalie, che in teoria sono casi isolati dovuti al malfunzionamento di qualche procedura, non rappresenteranno mai la norma e non è dunque possibile riferirsi a queste per provare ad aggirare la legge.

La posizione ufficiale dell’INPS, riflessa nella normativa e nelle comunicazioni ufficiali, ribadisce con forza che l’iscrizione ai corsi senza una partecipazione effettiva non è sufficiente per garantire l’accesso al contributo del SFL. La finalità del programma è chiara: supportare chi è attivamente impegnato in un percorso di crescita professionale e personale, che contribuisca concretamente al miglioramento della propria condizione lavorativa.

Impostazioni privacy