Piccoli incidenti stradali, quando non conviene compilare il CID: si risparmiano tantissimi soldi

Gli incidenti stradali sono coperti dalle relative assicurazioni, per questo comunemente i soggetti interessati compilano il CID.

Questo documento permette di individuare i dati reciproci e quindi procedere con le relative compagnie che possono in questo modo accordarsi e quindi riuscire a trovare chi dei due ha colpa per il riconoscimento di quanto previsto economicamente.

incidenti stradali non compilare CID
Quando è possibile non compilare il CID (Giustiziagiusta.info)

Non a caso le assicurazioni sono obbligatorie su ogni tipo di mezzo quindi auto, scooter, moto ecc. In caso di problemi si viene coperti e non bisogna spendere altro. Tutti però sono spaventati dal commettere incidenti, anche piccoli, questo non perché debbano effettivamente pagare ma per le ripercussioni che ciò comporta sul premio assicurativo.

Incidenti stradali: quando è possibile non compilare il CID

Per capire cosa è possibile fare per gestire al meglio un incidente stradale è giusto definire con attenzione ciò che è previsto dalla legge a cui bisogna attenersi scrupolosamente, anche quando si vuole risparmiare qualcosa.

Piccoli incidenti stradali CID risparmiano soldi
Piccoli incidenti stradali, come comportarsi (Giustiziagiusta.info)

Ogni volta che si commette un sinistro bisogna sicuramente fermarsi, quindi compilare il modello CID con i propri dati e anche informare l’assicurazione di quanto avvenuto dando la propria attestazione dei fatti. Ciò non vale solo quando terzi hanno causato l’incidente ma sempre. Si può inviare una comunicazione scritta o chiamare, inviare una PEC.

Il CID è la Convenzione Indennizzo Diretto ovvero la constatazione amichevole, quindi un documento in cui le parti comprensibilmente dopo l’accaduto procedono a inserire i dati e la dinamica dei fatti. La comunicazione alla propria assicurazione va fatta entro 3 giorni dal momento in cui è avvenuto l’incidente. Questo vale a scopo cautelativo e quindi è importante fare attenzione. Attenzione, il CID per essere valido deve essere controfirmato, questo vuol dire che le due parti interessate devono inserire di propria volontà i dati e anche firmarlo, altrimenti non c’è possibilità di procedere e quindi è necessario eseguire una procedura differente.

Il CID è un documento essenziale ma non è obbligatorio, tuttavia è comunque sempre necessario passare per l’assicurazione quindi non si può fare diversamente. Con questo sistema si possono ridurre anche i tempi di risarcimento che possono arrivare in alcuni casi a 30 giorni ma sono in media 45, comunque ben al di sotto di quelli standard. Questo perché, se le due parti sono d’accordo, ovviamente tutto è fluido e le compagnie devono solo erogare i pagamenti. Diversamente quando si decide di presentare una dichiarazione specifica senza l’altra persona, in questo caso i tempi si possono allungare di tanto.

Impostazioni privacy