Questa estate non spenderai un centesimo grazie al doppio bonus vacanze: cifre forti

L’INPS lancia due straordinarie iniziative per consentire a migliaia di persone di accedere a rimborsi per le vacanze. Quali sono i requisiti?

Studenti, lavoratori e pensionati attendono ogni anno con trepidazione le vacanze estive, per staccare dalla vita quotidiana, fatta spesso di ansia, stress, responsabilità e ritmi frenetici. Dedicare del tempo allo svago e non pensare al lavoro, allo studio o a qualsiasi altro impegno è fondamentale per preservare la salute psico-fisica.

bonus vacanze 2024
L’INPS eroga due Bonus vacanze (Giustiziagiusta.info)

Alcuni studi scientifici hanno anche dimostrato come l’attività cerebrale sia più intensa durante i periodi di vacanza, mentre se non ci si concede delle pause si è addirittura meno produttivi perché diminuiscono le energie mentali.

Durante le vacanze estive, poi, si svolgono attività che vengono trascurate durante l’anno, ci si ritaglia del tempo per dormire di più e si trascorre più tempo con i propri cari. Insomma, tutti abbiamo bisogno di periodi di pausa, per ridurre lo stress e consentire a corpo e cervello di riposarsi.

Per venire incontro alle esigenze di giovani e meno giovani, l’INPS ha ideato due importanti iniziative, che permettono di ottenere un rimborso per le vacanze. Scopriamo come si richiedono e quali vantaggi comportano.

Bonus vacanze: ecco come ottenere fino a 1.400 euro

Studenti e pensionati possono accedere a “Estate INPSieme” ed “Estate Senior, due progetti che assicurano dei rimborsi, entro un determinato importo, per le vacanze estive. In particolare, “Estate Senior” è l’iniziativa rivolta ai pensionati iscritti al Fondo Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, all’ex Fondo credito e al Fondo ex Ipost.

bonus vacanze inps pensionati e studenti
Chi sono i destinatari dei Bonus vacanze INPS? (Giustiziagiusta.info)

Il bando per accedere al Bonus per il 2024 verrà emanato a breve; lo scorso anno, i beneficiari hanno ottenuto in totale ben 3.850 soggiorni, con un rimborso complessivo per la spesa sostenuta fino a un massimo di 1.400 euro.

Per usufruire dell’agevolazione, tuttavia, i soggiorni dovevano avere una durata di almeno 14 notti. Per le vacanze brevi, invece, il Bonus ammontava a 800 euro. Queste somme dovrebbero essere confermate anche per l’anno in corso.

Hanno diritto, tuttavia, all’importo pieno solo coloro che hanno un ISEE non superiore a 8 mila euro.

Il bando “Estate INPSieme“, invece, è destinato alle vacanze studio (sia in Italia sia all’Estero) che si svolgono nei mesi di giugno, luglio e agosto e che coinvolgono i figli dei dipendenti e dei pensionati della Pubblica Amministrazione.

Il rimborso ha lo scopo di favorire i viaggi per la conoscenza delle lingue straniere o per l’approfondimento di specifiche conoscenze, presso college, università, villaggi turistici e strutture turistiche ricettive. Possono ottenere il rimborso gli studenti iscritti alla scuola secondaria di secondo grado.

Anche per tale Bonus serve un ISEE pari o inferiore a 8 mila euro e l’attestazione del rendimento scolastico del richiedente.

Impostazioni privacy