Micidiale questa truffa stradale nella quale in tanti cascano. Ti portano via i soldi e non è quella dello specchietto

Le truffe, ormai, fanno parte, purtroppo, della nostra giornata. Dietro l’angolo, c’è sempre un potenziale rischio di essere ingannati da qualcuno pronto a portarci via dei soldi. Sia in Internet, sia alla porta di casa, tanti anziani ci cascano. E per strada è uguale, come questa truffa.

Ci sono dei film, sui truffatori, che riscuotono un notevole successo tra il pubblico. Un esempio è Prova a prendermi, con Leonardo Di Caprio nei panni dell’ex truffatore Frank Abagnale. Insomma, figure affascinanti, fino a quando non si trovano sulla nostra strada.

Il vero problema, infatti, è che le truffe si sono moltiplicate. Non solo in numero, ma anche in fantasia. Sono talmente tante che, per la legge dei grandi numeri, prima o poi, si finisce per cascarci. E non solo se si è anziani, come, purtroppo, accade spesso. Anche persone più giovani e brillanti possono cadere nella trappola. Del resto, tra Internet, visite domiciliari e, per strada, ogni luogo è un potenziale pericolo. Ad esempio, è micidiale questa truffa stradale nella quale in tanti ci cascano. Non è nuovissima, ma ancora di recente è stata tentata, perché molto rischiosa per le vittime.

Come funziona questa truffa stradale nella quale, purtroppo, è facile cascarci

Quanto si parla di truffa stradale, il primo pensiero va alla classica truffa dello specchietto. Quella nella quale si viene accusati, ingiustamente, di aver colpito e danneggiato lo specchietto di un’altra macchina. E che, per evitare di coinvolgere le assicurazioni, si finisce per pagare in contanti qualcosa che non si è fatto.

Nell’oggetto di questo articolo, però, si tratta di un’altra truffa, che avviene ugualmente in strada. Gira da qualche tempo, ma è sempre attuale, nel senso che i truffatori, anche nel 2024, la portano avanti con successo.

Micidiale questa truffa stradale nella quale in tanti cascano. Ti ingannano così

Come funziona? Tu stai andando per strada e vedi, sul bordo della strada, delle persone vestite anche bene. A volte, un padre, una madre e dei bambini. Che si sbracciano, quasi mettendosi in mezzo alla strada, per attirare la tua attenzione. Cosa ti segnalano? Che sono rimasti, improvvisamente senza benzina.  Al distributore, ti dicono, il bancomat non funziona e loro non hanno contante in tasca.

Chiedendoti qualche banconota per poterla fare. Tanti ci cascano e, vedendo anche i bimbi, lasciano, magari, 20-30 euro per aiutare la coppia. Che, in realtà, è composta da truffatori, con soldi in tasca e benzina nell’auto. Tanti, purtroppo, ci cascano, come dimostrano le testimonianze su Internet.

Impostazioni privacy