FacebookTwitterGoogleFeed

 

Chiuso il laboratorio di Zernar

L'attivita' del laboratorio indagini criminalistiche (Lic) di Venezia - struttura di cui era responsabile Ezio Zernar, l'assistente della polizia di stato indagato per aver alterato la principale prova contro l'ingegnere di Azzano Decimo (Pordenone) Elvo Zornitta, sospettato numero uno di essere Unabomber - e' stata sospesa.
L'iniziativa e' del procuratore capo di Venezia Vittorio Borraccetti, mentre e' stato il procuratore aggiunto Michele Dalla Costa ad avvisare tutte le forze di polizia, cioe' le sezioni di polizia giudiziaria della procura e le strutture territoriali di polizia, nonche' carabinieri e guardia di finanza. Per il momento nessuno si rivolgera' piu' al Lic per analisi di armi, munizioni, impronte digitali e documenti contraffatti. I reperti dovranno essere inviati per le analisi ritenute necessarie a polizia scientifica e al Ris dei carabinieri.
L'ex responsabile del Lic Ezio Zernar e' indagato per falso e calunnia dal 17 gennaio, da quando i difensori di Zornitta - avvocati Maurizio Paniz e Paolo Dell'Agnolo - hanno denunciato l'avvenuta manomissione del lamierino con il quale Unabomber ha realizzato l'ordigno ritrovato inesploso nella chiesa di Sant'Agnese di Portogruaro (Venezia), il 2 aprile del 2004.
Manomissione confermata dagli esperti del Ris.
Era stato proprio Zernar, la scorsa primavera, a suggerire di utilizzare il metodo del toolmarks, attraverso il quale aveva poi scoperto che su quel lamierino vi erano delle microstriature lasciate da un paio di forbici da elettricista sequestrate nel marzo del 2006 all'ingegnere di Azzano Decimo (Pordenone). Zernar, di fronte al procuratore Borraccetti e al suo aggiunto Emma Rizzato, ha negato di aver manomesso o alterato il reperto, assicurando la correttezza del suo operato. Ma attorno alla vicenda e' scoppiato un vero e proprio caso giudiziario: le procure di Venezia e Trieste hanno parlato di tradimento, mentre dal mondo politico sono piovute polemiche e interrogazioni. Nella comunicazione inviata alle forze di polizia non e' stabilito un termine alla sospensione dell'attivita' del Lic e cio' fa pensare che la chiusura del laboratorio sia definitiva.
Fonte AGI

Video In Evidenza

Il Libro

La rubrica

banner gg lib

Non è solo Saguto

annuncio

      CLICCA SULL'IMMAGINE PER INFO

La Newsletter

Privacy e Termini di Utilizzo

social

Giustizia Giusta utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.