FacebookTwitterGoogleFeed

 

Cambiare? Sì. Smetterla di non dire altro

Sentivo sere fa una lunga intervista a Bersani (ve lo ricordate?). Che diceva? La solita solfa. Indovinate: il P.D. è da cambiare.
Anche la Democrazia Cristiana, e proprio negli ultimi tempi in cui resse maggioranza e governo cioè dopo quarant’anni e più che durò il suo “sistema” di conservazione, un bel giorno venne fuori con i suoi mega manifesti con lo scudo crociato su fondo azzurro. E sotto la scritta: “Per cambiare”.
Bersani, ha ancora l’acidità di stomaco della sua estromissione dalla Segreteria del Partito da parte di Renzi. E, quindi, del “Partito della Nazione”, del tentato sfregio della Costituzione. Tutte cose che Renzi tirò fuori “per cambiare”. E che più o meno lasciando le cose come erano, portarono Renzi al grande capitombolo.


Ma questa pretesa di dire tutto, proporsi come profeti semplicemente predicando che “si deve cambiare” è una preoccupante, dilagante sciocchezza. La sciocchezza della vacuità, il rifugio nella propria insicurezza. In sé cambiare non è un “progresso” né un progetto. Non è un passo verso il meglio.
Purtroppo questa balordaggine del trincerarsi sempre e comunque nella necessità di “cambiare” è un modo come un altro per non trovare autentiche novità, da adottare non perchè nuove ma perché migliori, più chiare, più produttive, più semplici.

Mauro Mellini
27.11.2018

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Video In Evidenza

Il Libro

La rubrica

banner gg lib

Non è solo Saguto

annuncio

      CLICCA SULL'IMMAGINE PER INFO

La Newsletter

Privacy e Termini di Utilizzo

social

Giustizia Giusta utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.